Ignazio La Russa, Guido Crosetto e Giorgia Meloni (tutti ex Pdl), presentano a Roma davanti a pochi intimi, e tante telecamere, il loro nuovo partito “Fratelli d’Italia-Centrodestra nazionale”. “Cercate il nodo, cercate il nodo”, esclama La Russa: “Mannheimer ci accredita già al 4% e potenzialmente possiamo arrivare al quattordici per cento”. “Saremo alleati di Berlusconi e del Pdl, la nostra è una scelta di campo” afferma Giorgia Meloni durante la conferenza stampa. La Russa che annuncia “qualcosa per far scegliere i candidati ai cittadini” annuncia all’insaputa anche del “gigante e la bambina” (Crosetto e Meloni) che “i due posti migliori in lista saranno riservati ai due Marò che non devono più tornare in India”. E sul discusso emendamento salva La Russa per evitare al neonato movimento l’obbligo di raccogliere sessanta mila firme in un mese e mezzo, l’ex coordinatore del Pdl replica: “La Russa è già salvo, noi firme ne possiamo raccogliere quattro volte più di chiunque altro”. Ma perché fuori dal Pdl e poi alleati con Berlusconi candidato chiedono i cronisti? “A questo risponde Crosetto” dice La Russa e Guido Crosetto puntualizza: “Perché ci collochiamo nel centrodestra e perché ci collochiamo dentro al PPE e perché non abbiamo paura di definirci in un’alleanza di centrodestra”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cicchitto su Ingroia: ‘La sua lotta alla mafia una caricatura, la nostra ispirata da Falcone’

next
Articolo Successivo

Pdl, Baldelli imita Cicchitto in Aula. E Giarda si scusa per il governo

next