Le elezioni regionali nel Lazio si svolgeranno il 10 e l’11 febbraio del 2013. Secondo quanto si apprende, la comunicazione sarebbe stata formalizzata dalla presidente Polverini al Viminale. Il Governo dovrà ora valutare la possibilità di accorpare nelle date del 10 e 11 febbraio anche le elezioni in Lombardia e Molise. Il presidente Formigoni si è detto favorevole all’election day con il Lazio. Per la Regione Molise è ancora più urgente la consultazione elettorale dato che il governo regionale è stato azzerato dall’annullamento delle precedenti elezioni. Il presidente del Consiglio Monti interpellato sul tema ha commentato la decisione affermando: “Abbiamo notizia della decisione del presidente Polverini, non ne ho parlato con il ministro dell’Interno”. 

La convocazione delle elezioni arriva dopo che due giorni fa il Consiglio di Stato ha bocciato il ricorso della governatrice Polverini e ha confermato la prima sentenza del Tar del Lazio. La due giorni (10 e 11 febbraio) era già stata individuata dallo stesso ministero dell’Interno. Per il segretario del Pdl Angelino Alfano ”la mancata celebrazione dell’election day non consente l’auspicato risparmio di denaro pubblico e ancora una volta saranno gli italiani a pagare”. Il Pdl infatti sostiene da mesi la necessità, anche al costo di uno strappo col Governo, di votare quanto prima accorpando le elezioni nazionali con quelle le regionali in Lombardia, Lazio e Molise. “Si tratta – ha aggiunto Alfano – di una decisione tanto obbligata quanto sbagliata, specialmente in un periodo di crisi che mette a dura prova i cittadini. Occorre, quindi, un ulteriore impegno, necessario per individuare una soluzione diversa e a questo scopo confido in un tempestivo intervento del Governo che tenga nel dovuto conto i delicati equilibri”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La natura non ideologica del Renzi-pensiero

prev
Articolo Successivo

Primarie, 128mila richieste di iscrizione. Renzi: “Vogliamo mandare tutti indietro?”

next