Spegnere l’informazione per preparare l’offensiva di terra? Pare di sì. Tant’è che i raid israeliani sono arrivati nel centro di Gaza City e hanno colpito il palazzo della stampa, in cui ci sono le sedi di diverse testate internazionali oltre che il canale tv Al- Aqsa, vicino ad Hamas. Nell’attacco sono rimasti feriti diversi giornalisti. Nei primi 5 giorni di raid aerei quasi senza sosta sono stati uccisi oltre 50 palestinesi, vittime dell’ultimo attacco in ordine di tempo anche nove bambini. Intanto sul confine continuano i movimenti di truppe di Tel Aviv, pronte a sferrare un attacco via terra nel caso arrivasse il via libera dal governo. Un’opzione che avrebbe conseguenze disastrose per la popolazione e che la diplomazia internazionale sta tentando di evitare

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Barack Obama: “un arrabbiato uomo nero”

next
Articolo Successivo

Siria, video di Medici senza frontiere: “Conflitto che si aggrava”

next