Spegnere l’informazione per preparare l’offensiva di terra? Pare di sì. Tant’è che i raid israeliani sono arrivati nel centro di Gaza City e hanno colpito il palazzo della stampa, in cui ci sono le sedi di diverse testate internazionali oltre che il canale tv Al- Aqsa, vicino ad Hamas. Nell’attacco sono rimasti feriti diversi giornalisti. Nei primi 5 giorni di raid aerei quasi senza sosta sono stati uccisi oltre 50 palestinesi, vittime dell’ultimo attacco in ordine di tempo anche nove bambini. Intanto sul confine continuano i movimenti di truppe di Tel Aviv, pronte a sferrare un attacco via terra nel caso arrivasse il via libera dal governo. Un’opzione che avrebbe conseguenze disastrose per la popolazione e che la diplomazia internazionale sta tentando di evitare

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Barack Obama: “un arrabbiato uomo nero”

prev
Articolo Successivo

Siria, video di Medici senza frontiere: “Conflitto che si aggrava”

next