Oggi mi aspetta un appuntamento importante: il primo e forse unico confronto pubblico tra i cinque candidati alle primarie di centrosinistra.

Fino ad oggi non ho potuto godere di tantissimi spazi sui media nazionali, pochi rispetto a quelli accordati ad altri candidati. Perciò mi auguro che quest’occasione sia fruttuosa, che non si perda tempo in polemiche e sterili chiacchiericci. Va detto che non si tratta della sfida della vita ma quest’occasione potrebbe darmi finalmente l’opportunità di illustrare il mio programma e regalare agli italiani la possibilità di cogliere che, pur nell’alveo del centrosinistra, ci sono idee e stili differenti che contraddistinguono ogni candidato.

E parlando di stile trovo che le differenze non mancheranno ed emergeranno sicuramente le professionalità degli spin doctor che seguono l’uno o l’altro in fatto di comunicazione efficace: chi sarà più impostato sull’immagine dell’uomo di governo e parlerà richiamandosi ad una storia importante, chi, probabilmente, sembrerà recitare a soggetto un copione ripetuto più volte e chi saprà catturare con uno stile narrativo particolare. Poi ci sarà chi come me si prepara al dibattito continuando a stare tra la gente.

Ieri -domenica- sono stata prima a Bassano del Grappa in un affollato confronto pubblico tra candidati, poi ho preso un treno per Bologna dove nel pomeriggio ho incontrato sostenitori e mi sono confrontata anche con le associazioni gay. Ho chiuso in serata partecipando ad un incontro molto partecipato. Questa la mia campagna fatta saltando da un treno all’altro, con scarpe comode e forse, troppo poco “trucco”, come mi dice qualcuna! Scelte: perchè la benzina non si spreca e i servizi pubblici, quando ci sono, si usano! Perché per cambiare davvero la politica occorre che le idee e i programmi emergano più dell’aspetto fisico, della cravatta blu o rossa su camicia bianca che non parla ma dice a chi deve dirlo: sono uno di voi!

Ci ho pensato molto (o forse davvero troppo poco) se fosse o no il caso di assumere qualcuno che mi suggerisse come essere più efficace nella dialettica, più donna di governo nell’aspetto…e mi aiutasse a costruire discorsi strutturati, presentazioni del programma con effetti speciali. Poi ho deciso che per essere efficace, sicura e contenta di me, dovevo restare me stessa, con i miei pregi e i miei limiti. Ho deciso che i talenti dei volontari incontrati “per strada” mi bastavano, erano preziosi. Così come i consigli e le impressioni di chi mi ascolta parlare nei circoli e nelle assemblee.

Così questa sera chissà, se in un minuto e mezzo riuscirò a colpire il telespettatore attento, sono certa però che questo confronto sarà utile a chi ci guarda e ascolta.

Perché l’obiettivo vero non è lo show televisivo. Come ha detto ieri Monti è il caso di smettere di parlare di organigrammi questo è il tempo di mettere in campo i programmi.

E allora spero di avere la possibilità di parlare di politiche del lavoro, dire che da questa crisi ne usciamo contagiando il nuovo piano industriale del Paese con  green e blue economy, valorizzando di più l’agricoltura di qualità e la bellezza dell’Italia. Affermare la mia volontà di tagliare “la Politica” e le sue spese folli e non il Welfare e la sanità pubblica. Ribadire che occorre attivarsi perchè la giustizia sia davvero equa e sappia garantire tempi accettabili così come la pubblica amministrazione deve cambiare nel segno della trasparenza, efficienza e qualità con meccanismi che rivelino il merito e premino le best performances. E poi ricordare che a questa Italia serve una marcia in più sui diritti civili, sull’istruzione, sul sostegno alle famiglie.

Da ultimo spero anche, come unica donna, di riuscire a comunicare alle donne la mia voglia di rappresentare tutte le loro istanze, e sono molte, trasversali ad ogni punto del mio programma. Occorrono politiche di genere attive e attivanti…perchè la mia idea di mondo è davvero diversa dal mondo in cui viviamo oggi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un anno di governo Monti. Un anno senza B. Quel che c’è e quel che manca

next
Articolo Successivo

Imu, il governo di Mario Monti tenta il colpo di mano per favorire la Chiesa

next