Obama stavolta non è il presidente degli Stati Uniti, il comandante-in-capo, l’uomo di tutti. E’ il presidente di metà degli Stati Uniti, la metà povera, “strana”, irregolare, precaria, negra.

Questa è la sua vittoria, molto più grande del quasi plebiscito di quattro anni fa. L’America si è misurata, stavolta. Non speranze generiche, in questo caso, non paura; ma consapevolezza degli schieramenti – poveri contro ricchi – e determinazione.

Quanta lezione per l’Italia, quanta speranza. Giorgio, uno dei nostri ragazzi-giornalisti della rete dei Siciliani giovani, è appena arrivato a Torino con la sua valigia di emigrante, come migliaia e migliaia di sicilianiprima di lui. Forza, Giorgio! Capace che stavolta ce la facciamo.

Vienimi a trovare anche su www.isiciliani.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Non ti ho mai amata così tanto”. La dedica di Barack

next
Articolo Successivo

Elezioni Usa, Obama vince ma il paese è diviso. La Camera resta ai Repubblicani

next