Obama stavolta non è il presidente degli Stati Uniti, il comandante-in-capo, l’uomo di tutti. E’ il presidente di metà degli Stati Uniti, la metà povera, “strana”, irregolare, precaria, negra.

Questa è la sua vittoria, molto più grande del quasi plebiscito di quattro anni fa. L’America si è misurata, stavolta. Non speranze generiche, in questo caso, non paura; ma consapevolezza degli schieramenti – poveri contro ricchi – e determinazione.

Quanta lezione per l’Italia, quanta speranza. Giorgio, uno dei nostri ragazzi-giornalisti della rete dei Siciliani giovani, è appena arrivato a Torino con la sua valigia di emigrante, come migliaia e migliaia di sicilianiprima di lui. Forza, Giorgio! Capace che stavolta ce la facciamo.

Vienimi a trovare anche su www.isiciliani.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Non ti ho mai amata così tanto”. La dedica di Barack

next
Articolo Successivo

Elezioni Usa, Obama vince ma il paese è diviso. La Camera resta ai Repubblicani

next