”Io non ho nessun punto G…”. E’ la battuta di Giovanni Favia, consigliere regionale 5 Stelle, per rispondere alle critiche di Beppe Grillo, intervenuto contro la partecipazione di Federica Salsi a Ballarò. Intervistato dalla tv bolognese Telecentro, Favia ha poi aggiunto affermato: “Ho scelto di non rilasciare commenti su queste dichiarazioni. Abbiamo tantissimo lavoro da fare e queste cose ci distraggono. Sono polemiche sterili”.

Il botta e risposta non ha riguardato solo il fondatore e il consigliere, protagonista del fuorionda di Piazzapulita su La7  nel quale attaccava la scarsa democrazia e trasparenza nel movimento. Nel pomeriggio infatti c’è stata a distanza una lite tutta interna al Movimento Cinque Stelle, sempre tra Giovanni Favia e Giancarlo Cancelleri, il candidato alle ultime regionali in Sicilia. A scatenare la reazione di Favia è l’ultimo passaggio del video di Cancelleri sul blog di Grillo dedicato al taglio degli stipendi degli eletti Cinque Stelle: “Anche in Emilia-Romagna è possibile restituire i soldi con un assegno. Vi invito a verificare quest’ipotesi perché potrebbe essere la soluzione”, spiega l’esponente siciliano, citando un post di ‘Nik il Nero‘, attivista ‘grillino’ bolognese molto vicino al capogruppo in comune Massimo Bugani, in rotta da tempo con Favia.

Secca la replica di quest’ultimo su Facebook. “Come consiglieri abbiamo chiesto, in questi due anni, di poter lasciare al bilancio della Regione una parte del nostro stipendio, ma ci hanno risposto con lettera protocollata, per quanto a noi questo sembri assurdo, che la cosa non è possibile e i nostri bonifici non sarebbero accettati”. Poi Favia conclude: “Chi dice che in Emilia-Romagna sia possibile lasciare l’extra-stipendio al bilancio sparge solo falsa informazione, confondendo volutamente le norme sulle erogazioni liberali dei cittadini, che la regione accetta valutando di volta in volta la causale e questa specifica situazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Padre Amorth: “Monti, Crozza e Vendola servi di Satana”. Poi il prete smentisce

prev
Articolo Successivo

Movimento 5 stelle, quattro giorni per presentare le candidature al Parlamento

next