Incidere sulla regola aurea dell’ordine democratico, e cioè che è il popolo a decidere i propri rappresentanti, è inquietante. Ne è convinta Ilda Boccassini, coordinatrice della Direzione distrettuale antimafia che ha condotto l’indagine su Domenico Zambetti, assessore regionale accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione e voto di scambio. Secondo il magistrato questa vicenda dimostra ancora una volta come la ‘ndrangheta inquini la vita politica di Milano e della Lombardia: “Il fatto che un candidato si rivolga alla criminalità organizzata come fosse una holding in grado di portare voti  è un qualcosa di devastante per il principio stesso della democrazia” 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sara Giudice, da eroina anti Minetti ai voti della ‘ndrangheta: “Un complotto”

next
Articolo Successivo

Regione Lombardia, tutte le inchieste che hanno travolto il Pirellone

next