Io mi ricordo. 
Io non dimentico Anna Politkovskaja, uccisa il 7 ottobre del 2006 a Mosca, nell’ascensore del palazzo dove abitava. Accanto al suo corpo furono ritrovati quattro proiettili e una pistola Makarov PM.

Di Anna ci resta il ricordo di una donna impegnata umanamente – spesso si recò in Cecenia a assistere le famiglie bisognose. Di lei rimangono gli scritti, le forti denunce degli abusi dell’esercito russo ai danni dei civili ceceni, il suo impegno come mediatrice durante la crisi del teatro Dubrovka e il suo esempio. Sì, il suo esempio persisterà perpetuamente. Anna è scomoda, lo era da vive e lo rimane ancora oggi che non c’è più fisicamente.

Anna vive: continua a esistere in tutti quei giornalisti che rischiano la vita a causa di quello che scrivono, non accettando il silenzio e la censura. Ieri, a Mosca, in pochi sono riusciti a manifestare in ricordo della Politkovskaja, perché la sua memoria fa paura alle autorità, a Putin. Il culto dell’immagine del presidente imposto ai russi sta riproponendo spettri di un passato che sembrava lontano, o forse semplicemente riposto nell’armadio. In Russia si vuole sradicare il pensiero, le idee, perché per un regime è troppo pericoloso lasciar pensare il popolo. Oggi, dopo sei anni, mi voglio ricordare che gli assassini di Anna non hanno un nome e, probabilmente, non lo avranno mai.

Ciao Anna, non ti dimenticheremo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spioni a mezzo stampa

prev
Articolo Successivo

Europa 7, la piccola rivincita della tv “esiliata”: trasmetterà le partite di serie B

next