I cittadini di Ceglie del Campo (un quartiere di Bari) chiedono perché il cantiere del loro ponte è fermo. Presto detto. Il patto di stabilità impedisce di pagare le aziende che pure stanno effettuando lavori regolarmente appaltati. I lavori sono fermi perché il Comune di Bari pur avendo 140 milioni di euro in cassa ha il divieto di pagare le aziende se i flussi finanziari sono troppo elevati.

Insomma più cantieri ci sono, più un sindaco è bravo, più problemi ha per pagare e per far proseguire i lavori. E le aziende sospendono i cantieri, ovviamente, per non indebitarsi ulteriormente con le banche. 

Altro da chiarire? Assurdo? Allora cercate su internet o nelle note della mia pagina facebook il mio discorso a Monti in occasione della inaugurazione della Fiera. Tanto è vero quello che gli ho detto che neanche ha provato a rispondermi! E quel che è peggio Confindustria – che dovrebbe tutelare le imprese – sostiene il Governo che fa fallire le aziende italiane e che impedisce ai Comuni virtuosi di completare le opere pubbliche in corso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie, Vendola ufficializza la candidatura: “Accetto per vincere”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, giovedì verso il testo base proposto da Calderoli

next