E’ fissata per il 4 dicembre l’udienza pubblica della Corte Costituzionale per la discussione nel merito del conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato promosso dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nei confronti della Procura di Palermo. Il Quirinale, attraverso l’Avvocatura dello Stato, ha depositato il ricorso presso la cancelleria della Consulta con prova di avvenuta notifica alla parte controinteressata – ossia la Procura di Palermo – mercoledì scorso 26 settembre, dopo che il 19 settembre i giudici costituzionali lo avevano dichiarato ammissibile.

Oltre al ricorso promosso dal Quirinale e alla prova di avvenuta notifica, sono stati depositati anche l’ordinanza con cui la Corte Costituzionale ha giudicato ammissibile il conflitto e ha disposto i tempi che ne regolano l’iter, e la copia del ricorso originale, datato 30 luglio 2012, con la serie di documenti allegati all’atto. Tra questi documenti figurano, tra l’altro, articoli di stampa, richieste di informazioni inviate alla Procura di Palermo dall’Avvocatura dello Stato in merito alle intercettazioni disposte nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta trattativa Stato-mafia che, indirettamente, hanno captato anche conversazioni del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il decreto, con cui il Capo dello Stato il 16 luglio scorso ha dato mandato all’Avvocatura di sollevare conflitto d’attribuzione di fronte alla Consulta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’antimafioso. Ricordo di Piero Vigna

prev
Articolo Successivo

Strage di Stazzema, in Italia finì con 8 ergastoli. Il pm: “Sono stupito, c’erano rei confessi”

next