Il giudice Giancarlo Giusti, condannato giovedì a 4 anni per corruzione aggravata dalla finalità mafiosa, ha tentato il suicidio nel carcere di Opera. Ha tentato di impiccarsi, pare con il cordino dei pantaloni. Il magistrato, sospeso dal Csm all’indomani dell’arresto nel marzo scorso, è stato subito ricoverato in ospedale. E’ in prognosi riservata e, da quanto si è saputo, non sarebbe in pericolo di vita.

Giusti, dal 2001 giudice delle esecuzioni immobiliari a Reggio Calabria e poi dal 2010 gip a Palmi, è finito in carcere il 28 marzo scorso in un’inchiesta della Dda di Milano sulla cosca dei Valle-Lampada e, in particolare, in un filone relativo alla cosiddetta zona grigià della mafia calabrese. Con lui, infatti, sono stati condannati, tra gli altri, anche l’avvocato Vincenzo Minasi e il direttore dell’hotel ‘Brun’di Milano, Vincenzo Moretti (quest’ultimo, però, solo per favoreggiamento e con pena sospesa). Proprio in quell’albergo, infatti, secondo le indagini, il magistrato avrebbe goduto di soggiorni di lusso in compagnia di escort e a pagare sarebbe stato il clan della ‘ndrangheta. Gli inquirenti all’epoca sequestrarono anche una sorta di “diario informatico” in cui il giudice avrebbe annotato i suoi viaggi di piacere a Milano. Il 10 ottobre 2008, ad esempio, scriveva: “due giorni a Milano fra donne, amore, vino e affari”. In cambio, secondo l’accusa, il magistrato avrebbe nominato in alcuni procedimenti dei professionisti, in qualità di periti, segnalati dal clan e sarebbe stato ‘socio occultò di una società off-shore amministrata dall’avvocato Minasi e che si sarebbe aggiudicata 5 lotti immobiliari all’asta, nel marzo 2009.

Prima della condanna, però, Giusti ha voluto provare a spiegare le sue ragioni con una memoria depositata al giudice Alessandra Simion. Ha definito “disdicevoli” i “divertimenti” a cui si è lasciato andare e ha chiesto “scusa all’intera magistratura italiana”. Anche se ha chiarito di essersi sempre comportato “in modo integerrimo” nel suo ruolo di magistrato. Sui suoi rapporti con alcuni presunti ‘ndranghetisti, poi, ha scritto: “Ho conosciuto in un periodo buio per la mia vita delle persone che ho considerato amiche”.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Cavaliere, lei è in debito con me”. Ecco la lettera del ricatto di Lavitola a Berlusconi

next
Articolo Successivo

Vaticano, comincia processo all’ex maggiordomo del Papa

next