Il Presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha annunciato l’anticipato piano di acquisto di obbligazioni statali, indirizzato ad allentare la pressione finanziaria su Italia e Spagna. Un passo che potrebbe essere vanificato dalla Corte Costituzionale tedesca che il 12 settembre decide sulla legittimità del fondo di salvataggio permanente, European Stability Mechanism.

Ospite in collegamento: Paolo Manasse – Professore di economia politica dell’Università di Bologna, da Milano: “Il piano di Draghi sarà un successo se non sarà implementato, se invece le riforme di Monti non riescono a migliorare le aspettative del mercato ci saranno degli interventi massicci ma non si sa quanto potranno durare e cosa potranno risolvere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi greca, Atene agli sgoccioli tenta la carta dei danni (tedeschi) di guerra

next
Articolo Successivo

“Amici portoghesi, non c’è un euro”. E piovono insulti sul premier

next