Ho firmato la petizione #30elode su change.org per chiedere al parlamento di portare a 30 km/h il limite di velocità all’interno delle aree residenziali, ad eccezione delle arterie a scorrimento veloce. Di seguito, cercherò di spiegare i motivi della mia scelta.

Una delle grandi sfide di chi si occupa di politica  è di riuscire ad astrarsi dalla propria realtà e dai propri interessi particolari per perseguire il bene pubblico. La rete ha permesso a chiunque di fare politica e di influenzarne le sorti e proprio grazie al web comuni cittadini, giornalisti e politici di professione interagiscono tra loro nella speranza di definire una volta per tutte cosa sia bene e cosa no per il proprio paese o per la propria città.

Anche per noi comuni mortali che non abbiamo accesso alle stanze dei bottoni la vera difficoltà è di uscire dal nostro contesto specifico (economico, lavorativo, sociale) per riuscire a promuovere il bene per il maggior numero di persone. La ragione è facile da capire: nessuno di noi è disposto a rinunciare a un vantaggio acquisito in nome del bene comune. In alcuni casi, però, è solamente una questione di prospettiva.

Una delle cose che mi ha insegnato questo blog è che spesso tendiamo a identificarci con una determinata categoria per poi cadere nel tranello dei luoghi comuni che ciascuna categoria porta. Ci sentiamo motociclisti, automobilisti, ciclisti, eppure nessuno di noi è nato in sella a una moto o con le chiavi della macchina nella tasca. Tutti noi invece siamo nati forniti di un mezzo di locomozione naturale: i piedi, che da millenni ci permettono di spostarci da un luogo all’altro. Insomma, siamo tutti pedoni.

Se provassimo a cambiare prospettiva, a mettere da parte il nostro mezzo di trasporto preferito e iniziassimo a pensare da semplicissimi pedoni, ci renderemmo conto che la realtà è sconcertante.

Ecco, da pedone fa particolarmente impressione pensare che ogni giorno 57 pedoni rimangono coinvolti in incidenti stradali, 2 dei quali perdono la vita. Fa impressione costatare che il 35% degli investimenti avviene sulle strisce pedonali. In 10 anni fanno 7.625 persone che camminavano per strada e che sono morte perché invisibili.

Uno studio britannico che è durato la bellezza di vent’anni ha dimostrato che portare il limite di velocità a 30 km/h significa ridurre gli incidenti del 50%. Questo è uno dei motivi che mi hanno spinto a firmare per chiedere al parlamento di portare a 30 km/h il limite di velocità all’interno delle aree residenziali, ad eccezione delle arterie a scorrimento veloce.

Il limite di 30 km/h nelle zone residenziali è prassi diffusa in quasi tutto il nord Europa, in Italia ne è stata annunciata l’introduzione la settimana scorsa in via sperimentale nella cerchia dei navigli a Milano ed è in vigore da un anno e mezzo nella città di Saronno (VA). I risultati ad oggi sono un aumento dei tempi di percorrenza di appena il 3%, cioè meno di 2 minuti per ogni ora trascorsa al volante.

Ho firmato perché quello che va bene per un pedone va bene per tutti, quindi anche per me e per i miei cari, perché quando attraverso la strada voglio essere sicuro di arrivare vivo dall’altra parte.

In rete è disponibile un pdf che fa un breve riassunto del materiale scientifico disponibile e delle varie esperienze al di fuori dell’Italia. Se vi va dategli un’occhiata. Può essere interessante.

L’indirizzo per firmare la petizione è change.org/30eLode

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stupirci per vivere il bello della moderna molteplicità

next
Articolo Successivo

Non è bene fare sesso se fa bene!

next