”Sperimentazioni virtuose” per aumentare la produttività, “elemento chiave della crescita” che “da sola non basta”, fra cui anche “forme sperimentali di decontribuzione per le imprese che abbiano un record positivo di utilizzo della manodopera”. Lo dice al Corriere della Sera il ministro del Lavoro Elsa Fornero sottolineando che anche le parti sociali dovrebbero cercare “di migliorare la loro collaborazione”.

Per andare verso il modello tedesco, che prevede la partecipazione dei lavoratori alla gestione dell’impresa, servono “più” di un passo e “per questo il governo ha intenzione di fare quanto è in suo potere, sempre ricordando che ci sono poche risorse, per favorire il dialogo tra le parti sociali”.

La detassazione del premio di produttività? “Se mettiamo le risorse su questo capitolo – spiega il ministro – sarà più difficile metterle sul cuneo fiscale a favore delle imprese che dialogano con i lavoratori”. “Il tema delle modalità delle relazioni di lavoro – aggiunge – ha permesso alla Germania di uscire dalla crisi”. La partecipazione “non va imposta – dice -. Ma ci stiamo lavorando e vorrei riuscire a condurre la delega in porto”.

Bene “favorire le start up” come auspicato dal ministro Corrado Passera, ma “prima di tutto vanno ben definite quali sono queste aziende innovative” e poi, precisa Fornero, è necessario anche “fare in modo che le norme del lavoro che si adatteranno a queste aziende innovative siano assolutamente coerenti con la riforma”.

Il ministro difende la riforma nel suo intento di contrastare il lavoro precario: “La produttività – afferma – non può nascere da contratti ‘mordi e fuggi’”, nel senso che “un lavoratore che sia sempre preoccupato di quello che farà tra due o tre mesi, allo scadere del contratto che ha oggi in corso, non può dedicarsi bene al suo lavoro. Questo recupero di una qualche stabilizzazione nei contratti di lavoro è funzionale al discorso della produttività”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ministro Fornero, al posto del lavoro possiamo avere almeno le tutele?

prev
Articolo Successivo

Sulcis, finita l’occupazione in miniera. L’Alcoa intanto sospende lo stop

next