Ha raggiunto un ponte vicino a Los Angeles e si è buttato, lasciando sulla sua auto un ultime messaggio in cui parlava della sua intenzione di suicidarsi. Il cadavere è stato recuperato circa due ore e mezza più tardi. E’ prevista un’autopsia, ma al momento gli inquirenti non considerano ipotesi alternative al suicidio: sulla vettura Scott avrebbe lasciato un biglietto nel quale conferma l’intenzione di farla finita.

Nato nel 1944 in Gran Bretagna, aveva 68 anni, Tony Scott, fratello del più famoso Ridley, diventò famoso proprio con “Top gun“, tra i maggiori successi cinematografici di quegli anni. Scott puntava su Tom Cruise, astro in ascesa di Hollywood, e nel 1990 lo diresse di nuovo in “Giorni di tuono”, garantendosi un altro successo al box office. Tra gli altri film da lui diretti “Beverly Hills Cop II”, “Spy Game”, “Allarme rosso”, thriller ambientato in un sottomarino con Gene Hackman e Danzel Washington, “Nemico pubblico”, sempre con Hackman e Will Smith. Tra gli ultimi progetti, nel 2010 l’idea di rifare “Top Gun”, sempre con Tom Cruise, ma con un film tutto nuovo

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un reggiano alla corte di Sorrentino: “Basta banalità, nei film ci vuole ambiguità”

next
Articolo Successivo

Comunque Batman, soprattutto Nolan

next