Beppe Grillo lancia un nuovo sondaggio sul suo blog e chiede agli utenti di votare il “peggiore presidente della Repubblica”. Hanno partecipato già in 6mila 546 internauti che hanno scelto il nome di Giorgio Napolitano con 3544 “preferenze”. Secondo Francesco Cossiga, sgradito a 1213 partecipanti e terzo posto per Oscar Luigi Scalfaro con 1047 voti. Il comico genovese ha presentato l’iniziativa con un post dove ha spiegato: “Per diventare presidente della Repubblica è necessario avere una certa età, meglio se alle soglie del rimbabimento, essere di sesso maschile, disporre di una laurea (obbligatorio!), aver fatto militanza politica in un partito (Ciampi è l’eccezione che conferma la regola) e aver vissuto di stipendi pubblici per quasi tutta la vita (Pertini muratore in Francia non fa testo)”. Secondo il cofondatore del Movimento 5 Stelle “chiunque abbia conseguito un titolo scientifico,è escluso dalla competizione presidenziale”.    

Altro requisito “utile per chi voglia trasferirsi al Quirinale” secondo Grillo è aver “un quarto di lombo nobiliare o lontane ascendenze aristocratiche”. Se sulla mancanza di donne il riferimento è solo indiretto (“cercasi maschio”) è l’età dei capi di Stato che ha più riferimenti nel post, “il presidente più invecchia, più diventa arzillo…la quarta età…La presidenza è meglio del Viagra. I suoi compagni di liceo sono normalmente ricoverati in un ospizio o interdetti dalla famiglia, mentre lui monita giorno dopo giorno. Mettereste un timoniere ottuagenario alla guida di una nave in tempesta?”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il sottosegretario alla Salute Cardinale imputato a Bari. Deve rispondere di truffa”

next
Articolo Successivo

Puglia, arrivano 5 nuovi ospedali. Ma spariscono 2250 posti letto

next