“La tendenza all’accertamento della verità e al conseguimento della giustizia deve essere un imperativo categorico per i magistrati, per le forze di polizia e per gli stessi cittadini”. E’ quanto ha dichiarato il procuratore nazionale antimafia, Pietro Grasso, a margine della presentazione del rapporto “Ecomafia 2012” a Roma, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano delle inchieste sulle stragi del ’92 e 93 e sulla Trattativa Stato-mafia. “Ho avuto il privilegio di sentire per primo Gaspare Spatuzza che ha riaperto il discorso sulle stragi – continua – e dobbiamo a lui e all’indagine successiva se oggi possiamo ridiscutere di qualcosa che era caduto nell’oblio più completo anche con sentenze definitive della magistratura. Dobbiamo continuare su questa strada”. Risponde così Grasso alle accuse di parzialità rivolte ai magistrati di Palermo che indagano sulla trattativa. Ma quando gli chiediamo se ci sono procure che inseguono teoremi, preferisce non rispondere di Nello Trocchia

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa Stato-mafia, Csm apre fascicolo su procuratore aggiunto Rossi

prev
Articolo Successivo

Reggio Calabria, sciolta la Multiservizi: era finita in un’inchiesta di mafia

next