Nella giornata di mercoledì 27 giugno 2012, la Commissione Europea ha pubblicato un pacchetto di misure molto importanti contro l‘evasione fiscale da proporre ai capi di Stato e di governo dell’Unione Europea. Se tali provvedimenti saranno approvati, verrà inaugurata una vera e propria strategia europea contro l’evasione fiscale, ponendo le basi per il programma di coopeazione fiscale europea Fiscus (2014-2020).

 

Si va dalla creazione di un codice fiscale europeo alla costituzione di una “guardia di finanza” comunitaria. Verranno inoltre avviati negoziati per accordi comunitari con i paradisi fiscali (Svizzera, San Marino, Liechtenstein, Andorra) per giungere al controllo delle banche sospettate di accettare somme nascoste al fisco dei Paesi dell’Unione Europea.

 

L’evasione fiscale è un problema molto serio per l’Eurozona e soprattutto per l’Italia. E’ molto difficile calcolare a quanto ammonti il totale evaso in uno Stato, poichè al giorno d’oggi esistono diverse stime ottenute con metodologie diverse. E’ fondamentale che si arrivi velocemente ad un sistema unico ed affidabile di calcolo che sfrutti al massimo i dati finora raccolti dagli enti di controllo. L’articolo 3 (pag 4) della Legge Delega sulla riforma fiscale, varata ma non ancora approvata dovrebbe istituire un gruppo di lavoro presso l’Istat che si occuperà del problema.

 

In Italia si stima che ogni anno si evadano tra i 72 ed i 120 miliardi di euro. Una cifra enorme, che lo Stato potrebbe utilizzare per risanare i conti pubblici e varare manovre di austerità meno pesanti (90 miliardi nel 2011 basate principalmente su maggiori entrate). Inoltre una seria lotta all’evasione fiscale permetterebbe di abbassare la pressione fiscale (pagare tutti per pagare meno), ristabilirebbe un clima di equità e sana concorrenza tra i cittadini e tra le imprese e ostacolerebbe i traffici della criminalità organizzata, che emerge dove lo Stato è debole.

 

L’Italia (e l’intera Europa) inoltre dovrebbe cercare di stimolare la tax compliance in modo da ottenere la collaborazione completa del contribuente e prevenire così l’evasione fiscale.

 

Quattrogatti.info sta affrontando i temi dell’evasione fiscale con delle puntate speciali che potete trovare sul nostro sito. La prima affronta i motivi per i quali vada sconfitta l’evasione fiscale, introducendo il concetto di economia sommersa e tracciando l’identikit dell’evasore-tipo. La seconda spiega come l’Italia può prevenire l’evasione fiscale e stimolare la tax compliance. A breve verrà pubblicata la terza puntata, che tratterà non solo dei mezzi di contrasto all’evasione fiscale ma anche della loro efficacia, per capire come e se funzionano, e quanto fruttano allo Stato.

 

Qui sotto una breve presentazione animata che riassume i punti principali del pacchetto.

 

 

di Fabio Cassanelli

 

 


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vertice Ue, sì a scudo spread e ‘salva stati’. Vittoria di Monti e Hollande, Merkel ko

next
Articolo Successivo

L’euforia del dopo vertice è a dir poco prematura

next