Il dopo elezioni in Grecia mostra i due partiti che si sono alternati al potere per 38 anni in corsa per formare un governo di unità nazionale mentre lo stato sta finendo i soldi, i depositi bancari emigrano e l’Europa vuole rinnovare gli impegni sulle misure di austerità prima di accordare ulteriore aiuto finanziario.

Ospite in collegamento: Paolo Manasse – Professore di economia politica all’Università di Bologna a Milano: “Tutti si sono preoccupati delle elezioni in Grecia perché potevano causare un’altro problema da aggiungere a quelli che non sono stati risolti, il risultato offre un sollievo momentaneo ma la grande volatilità dei mercati è destinata a continuare”.


Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I peccati dei greci (e dell’Europa)

next
Articolo Successivo

La Deutsche Bank e il piano di dismissioni per i governi Ue

next