David Graeber, antropologo americano, è uno dei più attivi esponenti di Occupy Wall Street, il movimento che da più di otto mesi sta scuotendo il mondo finanziario al grido di “siamo il 99%” che ha occupato la zona simbolica dell’1% dei più ricchi al mondo. Ma attenzione a non definirlo uno dei leader: “Mi piace considerarmi uno dei due milioni di capi di Occupy Wall Street“. Il movimento di protesta, focalizzato sulla lotta alle disuguaglianze economiche, non si è limitato al settore bancario, ma si è aperto alle problematiche locali: “Adesso stiamo affrontando un alto livello di scontro con la polizia, al quale abbiamo risposto allargando la base del consenso. Non siamo spariti, è solo la coperta mediatica a essere calata”. Per presentare il suo ultimo libro “Critica della democrazia occidentale”, edito da Eleuthera, Graeber ha scelto il centro sociale milanese ‘Il Cantiere’ e il Teatro Valle occupato di Roma. “La storia è piena di movimenti dal basso. In Europa se osserviamo il partito Best in Islanda o quello dei Pirati in Germania o il Movimento 5 Stelle in Italia, tutti stanno introducendo alcuni tipi di elementi di democrazia diretta” di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Feltri: “Io in Parlamento? Ma i deputati sono degli straccioni”

prev
Articolo Successivo

Travaglio: ‘Tifo Germania, l’Italia spazzerebbe calciopoli con la vittoria’

next