L’ex ministro Dc, Calogero Mannino, secondo la Procura di Palermo, avrebbe avviato nel 1992 i contatti fra Stato e Mafia al fine di “sollecitare eventuali richieste di Cosa nostra e far cessare la programmata strategia omicidiario-stragista già avviata con l’omicidio Lima”. Nell’intervista rilasciata alla giornalista di Servizio Pubblico, Dina Lauricella, risponde alle accuse e parte attaccando la cronista del Fatto, Sandra Amurri, che in un articolo ha raccontato di essere stata testimone di una conversazione in un bar, a pochi passi da Montecitorio, tra il deputato Mannino e l’europarlamentare Giuseppe Gargani. L’inviata del Fatto riportava le seguenti frasi da attribuire a Mannino: “Massimo Ciancimino ha detto la verità”. Nelle parole pronunciate dal politico siciliano, emergeva la preoccupazione per il ruolo della sinistra Dc e di Ciriaco De Mita nelle pressioni per ammorbidire il carcere duro per i boss di Cosa nostra nel 1992-1993. “Per quanto riguarda il contenuto della conversazione tra l’onorevole Mannino e l’europarlamentare Gargani – dichiara Amurri -, l’ho riferito a verbale con gli inquirenti, l’ho scritto sul mio giornale e l’ho ripetuto sotto giuramento come testimone al processo Mori-Obinnu che si sta svolgendo a Palermo e continuerò a farlo in ogni sede che i magistrati riterranno necessario. Per quanto, invece, afferma l’indagato Mannino, mi limito – continua – a ricordare che non ho origliato una conversazione telefonica tra lui e Gargani in quanto i due – afferma – non si parlavano al telefono essendo distanti l’uno dall’altro non più di 50 cm e non stavano sorseggiando il caffè”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl anticorruzione, cosa prevede il testo: dall’incandidabilità alle influenze illecite

next
Articolo Successivo

Agenzia entrate, sequestratore di Bergamo vuole patteggiare. Pm: “Richiesta congrua”

next