Sindacati e lavoratori Sea tornano a protestare davanti a palazzo Marino. A preoccuparli è la politica della giunta Pisapia che per far quadrate i conti, ha scelto di intraprendere la strada della vendita del patrimonio comunale. Cinque mesi fa ha ceduto il 29,7% della società che gestisce gli aeroporti al fondo F2i di Vito Gamberale e sulla vicenda è stato aperto un fascicolo dalla procura di Milano.Il Comune ha annunciato che metterà in vendita il 50,01% della holding, dopo “aver consultato i cittadini attraverso un referendum”, spiega il presidente del consiglio comunale Basilio Rizzo che a differenza di molti colleghi si dice “contrario alla vendita”. Ma la mobilitazione dei lavoratori non si ferma: “A giugno ci saranno due scioperi generali e probabilmente indiremo un presidio permanente davanti a Palazzo Marino per convincere il Comune a non svendere il patrimonio pubblico”  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lavoro, il Senato approva ddl. Monti: “Riforma di profonda struttura”

prev
Articolo Successivo

Esodati, il ministro Fornero ammette “Abbiamo sbagliato per fretta”

next