Uno slogan semplice ma efficace per chiedere al Parlamento italiano una legge di cittadinanza europea per i figli degli immigrati nati sul suolo italiano. “Un milione di ragazzi solo perché sono figli di immigrati non vengono considerati italiani. I problemi sono tanti – spiega Khaled Shauki, responsabile dei “Nuovi italiani” per il Partito Democratico – è un problema anche andare in gita scolastica con i tuoi compagni, perché hai bisogno del visto; non puoi fare concorsi pubblici o  diventare giornalista, medico, avvocato: tutte professioni che richiedono la cittadinanza italiana”. Amir Issaa, rapper con papà egiziano e mamma italiana, dice: “Non possiamo più aspettare. Oggi un italiano può avere i capelli afro, gli occhi a mandorla ed essere italiano al 100%”. La manifestazione è stata organizzata da David Sassoli, europarlamentare del PD: “L’Italia è in ritardo rispetto a tutti. Subito una legge di cittadinanza con standard europei” e l’On. Jean-Léonard Touadi (PD): “Questi ragazzi hanno imparato la lingua, la cultura italiana, hanno un immaginario italiano. Chi nasce in questo Pasese ha diritto all’identità”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Carceri, se l’affettività è un premio

prev
Articolo Successivo

Freedom flottilla, a due anni dal massacro nulla è cambiato a Gaza

next