Sono 45, e non 80 come sembrava in un primo momento, gli italiani fermati a Francoforte nel secondo giorno dei 4 nei quali è stata organizzata la mobilitazione del movimento anticapitalista internazionale Blockupy Frankfurt. Tutti sono già stati rilasciati. La conferma è arrivata nella notte dalla polizia locale al consolato italiano di Francoforte, che si è attivato per monitorare la situazione ed è in contatto con le famiglie di alcuni fermati.

Per gli italiani fermati la polizia ha disposto l’allontanamento dall’area cittadina di Francoforte fino alle 7 di mattina di sabato, giorno della manifestazione per cui sono attese migliaia di persone e che è l’unica che è stata autorizzata dalle autorità tedesche.

La giornata, hanno scritto le forze dell’ordine in un comunicato, si è conclusa senza episodi di violenza significativa e con un totale di circa 150 fermi. La polizia aveva controllato ieri mattina, poco fuori dalla città, tre autobus diretti a Francoforte con circa 150 persone, cui è stato vietato l’ingresso fino a sabato. Alcuni di queste, che avevano successivamente tentato di raggiungere Francoforte ugualmente, sono poi stati arrestate. La polizia era poi intervenuta nel pomeriggio per sgomberare due presidi non autorizzati davanti all’università e alla piazza del municipio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La mossa di Hollande: taglio del 30% sugli stipendi dei membri del Governo

next
Articolo Successivo

Perché ora tutti vogliono (processare) Saif Al-Islam Gheddafi

next