Le lacrime di chi ricorda i caduti e le testimonianze dei sopravvissuti si mischiano nella giornata del 25 aprile. Milano ricorda il sacrificio dei partigiani in diversi punti della città e in particolare rende omaggio alle 15 persone che furono fucilate il 10 agosto 1944 in piazzale Loreto. Al più anziano delle vittime, Salvatore Principato, è dedicata la mostra alla Loggia dei Mercanti, a due passi dal Duomo. L’Anpi come ogni anno continua a far rivivere quella parte delle storia italia e ai giovani chiede “di riprendere e far rivivere i valori per cui i partigiani hanno dato la propria vita”. E dall’amministrazione comunale, attraverso le parole dell’assessore Pierfrancesco Majorino, arriva una stoccata a chi ha preceduto la giunta Pisapia: “Non ci siano più istituzioni smemorate su questo terreno o complici nel ridimensionare il patrimonio di cambiamento che è vissuto anche attraverso i 15 di piazzale Loreto”  di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Finalmente una casa. Dopo la mega-truffa

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta a Milano, processo Cerberus naufraga in Cassazione: tutto da rifare

next