Dunque il nostro Valter Lavitola progettava nuove carceri a Panama – grazie alla tangente di un elicottero, dice l’accusa – e adesso si ritrova carcerato nelle vecchie celle di Poggioreale, ingaggiato per un lungo e accurato sopralluogo ai chiavistelli che avrebbe riservato volentieri agli altri. É il destino che talvolta ama così tanto specchiarsi nel proprio narcisismo da produrre queste illuminazioni del contrappasso: chi di sbarre ferisce, di sbarre patisce.

Cosa che nella storia italiana ha avuto una sua certa ricorrenza, a cominciare dai tempi gloriosi delle Carceri d’Oro, quando ancora in natura esistevano liberi i socialdemocratici di Franco Nicolazzi, rastrellati uno a uno dalle procure prima che qualche sopravvissuto si mettesse in salvo nelle boscaglie coltivate dai nuovi tesorieri dei partiti. E sarebbe notevole, in queste ore, dare un’occhiata all’umore del suo migliore amico, Silvio B, anche lui investito dal gioco del destino che ha trasformato le ragazze gonfiabili di un tempo in testimoni dotate di così tante parole ai processi da giustificarne una tariffa, contabilizzata dal suo buon cuore, si capisce. Un cuore che con Lavitola incarcerato sarà messo a dura prova.

Il Fatto Quotidiano, 17 aprile 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Fondi neri, truffe e servizi segreti: il sistema De Gregorio raccontato dal commercialista

next
Articolo Successivo

Parlamento europeo pulito: attivati anche tu

next