L'ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi

“I vertici della Margheritasapevano”. Lo ha detto ai pm di Roma che lo hanno interrogato per sei ore l’ex tesoriere della Margherita, Luigi Lusi. I magistrati lo hanno interrogato sulle appropriazioni di denaro del senatore dalle casse del partito. La Procura indaga in particolare sull’appropriazione indebita di almeno 20 milioni di euro dalle casse della Margherita di cui il parlamentare è stato tesoriere. L’interrogatorio si è tenuto nell’ufficio del procuratore aggiunto Alberto Caperna alla presenza del procuratore capo Giuseppe Pignatone, al suo primo interrogatorio da quando si è insediato a Roma, e del sostituto Stefano Pesci. Lusi è indagato per appropriazione indebita e per concorso in intestazione fittizia di beni.

“Si è parlato di conti, solo di conti. Ho risposto a tutte le domande dei pm” si è limitato a dire l’ex tesoriere del partito di Rutelli al termine del lungo interrogatorio. Alla domanda se vi sono state fatte nuove contestazioni il parlamentare ha risposto: “Chiedete ai pm, io ho chiarito tutto”. L’avvocato dell’ex tesoriere Luca Petrucci ha dichiarato che nel corso dell’atto “è stato definito tutto il quadro” e che Lusi è “sollevato e sereno”. “Siamo soddisfatti dell’interrogatorio – ha aggiunto Petrucci – di più non possiamo dire perché l’atto è stato secretato dai magistrati”.

In precedenza, rispondendo ai giornalisti all’ingresso in Procura, Lusi aveva rilasciato solo alcune battute sulla pubblicazione delle sue note spesa: “Si vede che qualcuno ha usato la mia carta di credito”. Lusi, inoltre, ha risposto “sì” alla domanda se l’intervista mandata in onda dal programma Servizio Pubblico era stata fatta a sua insaputa ed ha escluso di essere stato lui a fornire una documentazione, riguardante finanziamenti ad altri soggetti, al settimanale L’Espresso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domiciliari per il prestanome di Provenzano Il ministro Severino manda gli ispettori

next
Articolo Successivo

Truffe, mazzette e appalti: nuovi guai per Alemanno

next