Protesta serale dei fotoreporter professionisti davanti Palazzo Chigi. A scatenare il malcontento la decisione della presidenza del Consiglio dei ministri di non far entrare fotografi e cine-operatori per le immagini di rito del tavolo odierno tra Governo e parti sociali. L’unica immagine del negoziato è quella scattata da qualcuno dello staff della Cgil e poi twittata dal profilo del sindacato. “Siamo qui dalle 8,00 del mattino e per molti di noi la fotografia di questo tavolo significa il guadagno della giornata – dichiara un fotoreporter a ilfattoquotidiano.it – tra poco non ci sarà più bisogno di noi fotografi, ci pensano i politici con Twitter” di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma militare

next
Articolo Successivo

Articolo 18, la Cgil proclama 8 ore di sciopero Bersani: “Non può essere prendere o lasciare”

next