Non si placano le proteste in Afghanistan a seguito della notizia dei marines che ieri hanno dato fuoco ad alcune copie del Corano nella base di Bagram. Per questo l’ambasciata Usa a Kabul è stata chiusa. L’annuncio è stato dato via twitter.

Lo staff è rimasto bloccato al suo interno e la sede diplomatica ha invitato tutti quelli che si trovano al di fuori a mettersi al sicuro, mentre chi è sceso in strada a manifestare scandisce slogan durissimi contro gli Stati Uniti, tra cui “morte all’America”.

Gli scontri sono stati violenti e hanno causato la morte di otto persone oltre a una ventina di feriti. Stando alla portavoce del governatorato della provincia di Parwan (dove si trova la base Usa di Bagram), solo nel distretto di Shinwari almeno in sei sono rimasti uccisi e 13 feriti. “I manifestanti hanno tentato di assaltare il quartier generale dell’amministrazione del distretto e hanno iniziato ad attaccare la polizia”, ha spiegato la portavoce Roshana Khalid all’agenzia di stampa Dpa, denunciando atti vandalici contro mezzi privati e della polizia. Un’altra persona, secondo alla Bbc, è rimasta uccisa alla periferia di Kabul e un’altra a Jalalabad, nell’Afghanistan orientale. Nelle due città si registrano rispettivamente una decina di feriti.

Sassi e pietre sono stati lanciati contro Camp Phoenix, la principale base americana alla periferia di Kabul. I dimostranti hanno anche bloccato la strada che dalla capitale porta a Jalalabad. I manifestanti cheprotestano contro i corani bruciati in una base Usa hanno dato fuoco ad un compound riservato a contractor stranieri a Kabul. Secondo un testimone le fiamme hanno danneggiato parte della guesthouse nel complesso del Green Village, dove vivono e lavorano 1.500 contractors stranieri.

E la protesta arriva anche a Herat, nella parte occidentale del paese, città dove sono dispiegati la maggior parte dei militari italiani in Afghanistan nell’ambito della missione della Forza internazionale di assistenza alla sicurezza (Isaf). Tutti gli aggiornamenti dell’ambasciata Usa saranno pubblicati sul sito istituzionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valencia, polizia carica gli studenti in corteo Il governo si schiera con le forze dell’ordine

next
Articolo Successivo

Siria, uccisi due giornalisti occidentali a Homs dalle bombe di Bashar al-Assad

next