“Gli uomini delle forze dell’ordine anche se sbagliano non sono mai assassini”. Daniela Santanchè non inserisce nel suo post su Twitter e Facebook il nome di Luigi Spaccarotella, ma è evidente il riferimento alla sentenza di condanna dell’agente della Polstrada. Solo ieri la Corte di Cassazione lo ha dichiarato colpevole dell’omicidio volontario del tifoso della Lazio, Gabriele Sandri, avvenuto l’11 novembre 2007, e la Santanchè non ha atteso che poche ore per esternare il suo pensiero. Oltre 4.000 commenti in meno di sei ore e quasi tutti negativi. I più leggeri sono “Vergognati”, “hai perso un’altra occasione per stare zitta” o “come lo chiami un individuo che uccide un altro?”. E poi una raffica di insulti irriferibili. Rari i commenti di difesa ed approvazione, tra cui “cara Daniela, tutti hanno capito il senso della tua frase ma vogliono strumentalizzarla”, un “d’accordissimo” e circa 200 “mi piace”.

Il padre di Gabriele Sandri, Giorgio, si è detto molto rattristato per la frase dell’ex sottosegretario alla Presidenza del consiglio. “Devo pensare che per la Santanchè la legge non è uguale per tutti” ha detto. “Mi dispiace – ha aggiunto – perché noi abbiamo sempre cercato di mandare messaggi diversi, abbiamo affrontato questo processo combattendo contro un individuo che si è macchiato di un delitto e di un gesto scellerato, non certo contro le istituzioni e tanto meno contro la polizia. Ho sempre detto, e ancora oggi voglio ricordare, che le prime persone a spendere parole per Gabriele, e per noi, sono stati il Capo della polizia e il capo dello Stato”.

L’ex collega di partito della Santanachè, Fabio Granata, ora vicecoordinatore di Fli, ha commentato indignato: “Nell’onorare la memoria di Gabriele Sandri, considero vergognose le parole della Santanchè: riesce sempre a sintetizzare il peggio della politica e dei sentimenti umani”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Lampedusa ricorda i cadaveri “neri”

next
Articolo Successivo

Corte dei Conti: “La corruzione costa 60 miliardi l’anno, condanne solo per 75 milioni”

next