Il Manifesto per ora resterà in edicola, ma il ministero per lo Sviluppo economico ha avviato la procedura di liquidazione coatta della cooperativa editrice del giornale. A renderlo noto è il collettivo del quotidiano che annuncia che sarà lanciata una campagna straordinaria di sostegno.

“E’ il momento più difficile della storia quarantennale de Il Manifesto“, scrive in una nota il collettivo che spiega come “questa procedura particolare, alternativa alla liquidazione volontaria, cautela la cooperativa da eventuali rischi di fallimento. La decisione di non opporsi alla procedura indicata dal ministero si è resa inevitabile dopo la riduzione drastica e retroattiva dei contributi pubblici per l’editoria non profit. Nonostante le promesse di intervento fatte dal presidente del consiglio Mario Monti e l’esplicita richiesta in tal senso del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a oggi nessuna soluzione è stata trovata”.

Fondato nel 1969 il quotidiano ha già vissuto una forte crisi economica verso la prima metà del 2006, superata attraverso una campagna di sostegno rivolta ai suoi lettori lanciata attraverso il suo sito e con la richiesta di pagare 5 euro l’edizione del giovedì. L’iniziativa aveva consentito di raccogliere oltre un milione e mezzo di euro salvando dal fallimento la cooperativa. Oggi il collettivo annuncia una nuova campagna di sostegno al giornale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Il Fatto Personale

di Antonio Padellaro 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cercasi sobrietà

next
Articolo Successivo

Socrate, e l’attore lesse Napolitano

next