Il Manifesto per ora resterà in edicola, ma il ministero per lo Sviluppo economico ha avviato la procedura di liquidazione coatta della cooperativa editrice del giornale. A renderlo noto è il collettivo del quotidiano che annuncia che sarà lanciata una campagna straordinaria di sostegno.

“E’ il momento più difficile della storia quarantennale de Il Manifesto“, scrive in una nota il collettivo che spiega come “questa procedura particolare, alternativa alla liquidazione volontaria, cautela la cooperativa da eventuali rischi di fallimento. La decisione di non opporsi alla procedura indicata dal ministero si è resa inevitabile dopo la riduzione drastica e retroattiva dei contributi pubblici per l’editoria non profit. Nonostante le promesse di intervento fatte dal presidente del consiglio Mario Monti e l’esplicita richiesta in tal senso del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a oggi nessuna soluzione è stata trovata”.

Fondato nel 1969 il quotidiano ha già vissuto una forte crisi economica verso la prima metà del 2006, superata attraverso una campagna di sostegno rivolta ai suoi lettori lanciata attraverso il suo sito e con la richiesta di pagare 5 euro l’edizione del giovedì. L’iniziativa aveva consentito di raccogliere oltre un milione e mezzo di euro salvando dal fallimento la cooperativa. Oggi il collettivo annuncia una nuova campagna di sostegno al giornale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cercasi sobrietà

prev
Articolo Successivo

Socrate, e l’attore lesse Napolitano

next