Le borse europee, dopo l’andamento contrastato della giornata di ieri chiusasi per tutte le piazze con guadagni molto marginali, ed una mattinata dal trend piatto, accelerano nel pomeriggio sulla scia delle buone notizie provenienti dagli Usa. L’economia americana ha infatti creato 243 mila nuovi posti di lavoro, mentre il tasso di disoccupazione a gennaio è sceso all’8,3%, dall’8,5% di dicembre. Un dato migliore rispetto alle stime degli analisti. In Europa, sprint per Francoforte che cresce dell’1,38%, in spolvero anche Parigi (+0,61%) e Londra (+1,19%) mentre Milano resta in coda con una crescita dello 0,4%.

Lo spread tra buoni del tesoro italiani e bund tedeschi si mantiene sotto quota 400 punti, ora a 373 punti base, dopo aver toccato, a inizio giornata, anche i 371 punti ed aver raggiunto i nuovi minimi da inizio anno. Ottima prestazione anche per i Btp a 2 anni per la prima volta, da giugno, sotto il 3%.

E la cancelliera tedesca, Angela Merkel, è in visita in Cina, per intensificare i rapporti tra il paese asiatico e l’Eurozona. Questa mattina ha incontrato il presidente cinese, Hu Jintao. Durante il colloquio, Hu, riferendosi all’incontro avuto ieri dalla Merkel con il premier cinese, Wen Jiabao, ha osservato come la cancelliera tedesca e il primo ministro cinese si siano trovati d’accordo su molti argomenti, in primo luogo l’impegno della Cina ad aiutare l’Europa a sollevarsi dalla crisi economica. Lo stesso Wen Jiabao aveva infatti sottolineato ieri come per l’Europa sia prioritario ed urgente risolvere la crisi e come la Cina stia valutando l’opportunità di una sua maggiore partecipazione nel Fondo europeo di stabilità finanziaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ci vuole una vera
riforma del lavoro

next
Articolo Successivo

Crisi, l’unica soluzione è tagliare i diritti?

next