Il cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe, con Silvio Berlusconi

Oggi è stato ‘salvato’ dalla Camera dei deputati, ma su Nicola Cosentino è pronto a scoppiare un altro caso. Nella puntata di stasera su La7, la trasmissione Piazzapulita di Corrado Formigli manderà in onda un’inchiesta sulla casa romana dell’ex sottosegretario all’Economia, che sarebbe stata acquistata da Propaganda Fide “a metà del valore”.

Secondo l’inchiesta di Piazzapulita, il coordinatore campano del Pdl  “nel 2004 acquistò da Propaganda Fide, fino al 2006 guidata dal cardinale di Napoli Crescenzio Sepe, una casa in Via Monte Zebio, nel quartiere Prati di Roma. Un magnifico appartamento al sesto piano composto di 7 vani e mezzo e pagato 630 mila euro, poco più della metà del valore di mercato”. La casa, secondo Piazzapulita, “risulta intestata a Maria Costanza Esposito, moglie dell’onorevole Cosentino, e tuttora pagata con un mutuo intestato a entrambi i coniugi”. Non è la prima volta che le strade di Cosentino e del Cardinale Sepe si incrociano: nell’inchiesta della procura di Napoli per cui oggi era stato chiesto alla Camera l’arresto del coordinatore del Pdl in Campania, viene infatti contestato a Cosentino di aver assunto proprio i due nipoti del Cardinale Sepe.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

AgCom scrive a Monti: Internet ci può salvare

prev
Articolo Successivo

Lettera a Gomez:
uno spazio per Tizian

next