L'ex governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio

Ancora un rinvio a giudizio per lo scandalo dei “furbetti del quartierino”, emerso nel 2005. Quindici persone saranno processate a Roma per le operazioni relative al tentativo di scalata della Banca nazionale del lavoro da parte del cosiddetto ‘contropatto’, l’accordo occulto messo in atto da immobiliaristi e raider che, tra il 2004 e il 2005, rastrellarono azioni dell’istituto di credito per contrastare gli spagnoli del Banco di Bilbao a un passo dall’acquisto dell’istituto di credito grazie all’appoggio di Generali e di Diego della Valle.

Il gup Giovanni Ariolli ha rinviato a giudizio, tra gli altri, Francesco Gaetano Caltagirone (presidente del patto di sindacato denominato ‘contropatto’), Stefano Ricucci, Vito Bonsignore, Danilo Coppola, Emilio Gnutti, Giovanni Consorte e Ivano Sacchetti (ex responsabili di Unipol), Gianpiero Fiorani e Gianfranco Boni (di Banca privata italiana), e l’ex governatore di Bankitalia Antonio Fazio. Il processo prenderà il via il 23 aprile davanti ai giudici della quinta sezione penale del tribunale. Aggiotaggio e ostacolo alle funzioni di vigilanza sono i reati contestati, a vario titolo, dalla procura. Una sanzione di 298mila euro è stata inflitta alla Bpi, che ha patteggiato la pena. Il processo chiamerà in causa anche società e aziende riconducibili a Caltagirone, Coppola e Statuto.

Molti dei rinviati a giudizio sono stati a condannati nell’ottobre del 2011 a Milano per la stessa vicenda, e in parte per gli stessi articoli del codice penale. Tra loro, Consorte, Fazio, Caltagirone, Gnutti, Bonsignore, Ricucci, Coppola e Statuto. Ma a Milano sono stati giudicati i fatti relativi alla la fase della scalata vera e propria, iniziata il 23 maggio 2005, mentre il processo di Roma si occuperà del rastrellamento di azioni Bnl avvenuto prima di quella data.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Rompiballe’, il processo sui rifiuti
di Napoli che non vuole fare nessuno

prev
Articolo Successivo

Torniamo alle buone maniere

next