Il centro della movida romana, Trastevere, diventa teatro di un violento pestaggio. Resta a terra in gravissime condizioni un ragazzo di 25 anni. Tutto avviene alle 4 del mattino in vicolo del Bologna, il 118 viene chiamato a soccorrere due ragazzi che sono a terra feriti. Intervengono anche gli agenti di Polizia del commissariato locale. I due ragazzi, sarebbero stati aggrediti dopo una lite scoppiata per futili motivi. Una sigaretta negata sembrerebbe.

Il più giovane delle vittime è stato ricoverato al Policlinico Umberto I, ha riportato una frattura alla base cranica e altre lesioni e in prognosi riservata. L’amico che era con lui, 30 anni, è stato trasportato invece all’ospedale Fatebenefratelli sull’Isola Tiberina. A due passi dal luogo dell’aggressione. Per lui la prognosi è di sette giorni. Sono in corsa le indagini. I due ragazzi picchiati hanno piccoli precedenti di polizia per spaccio di droga, ma al momento non sembra che il movente del pestaggio sia da ricercare in questo ambito.

Trastevere dista a pochissimi chilometri dal Rione Monti, rione storico di Roma dove questa estate è stato selvaggiamente picchiato Alberto Bonanni, un giovane musicista che aveva trascorso una serata con amici in un locale della zona. Alberto è in strada, scoppia una discussione legata ad alcuni schiamazzi con un gruppetto di residenti. Il musicista viene sorpreso alle spalle e colpito a colpi di casco. Da mesi Bonanni è in coma, ricoverato all’Ospedale San Giovanni di Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ardita: “Nel 1992 il ministero della giustizia bloccò il 41 bis per cinquemila detenuti”

next
Articolo Successivo

“Pressioni e depistaggi per trasferire Provenzano”. La testimonianza del pm Ardita

next