Esami fantasma all’università di Palermo: 32 persone sono indagate per i reati di falso, frode informatica e corruzione. Nell’indagine, partita un anno fa, sono coinvolti tre impiegati dell’ateneo palermitano e alcuni laureati tra cui spunta anche Alessandro Alfano, 36 anni, fratello dell’ex Guardasigilli e attuale segretario nazionale del Pdl Angelino Alfano. Secondo i magistrati alcuni studenti, con l’aiuto di dipendenti degli uffici amministrativi, avrebbero fatto figurare nel loro libretto universitario esami in realtà mai sostenuti. La vicenda venne alla luce nel settembre del 2010, quando il rettore Roberto Lagalla segnalò il caso di una laureanda scoperta poco prima della discussione della tesi. Attraverso alcuni controlli incrociati si capì che la studentessa non aveva superato alcuni esami. Le indagini si concentrarono sopratutto sulla facoltà di Economia e Commercio. Un’impiegato della segreteria fu licenziato, altri due sospesi.

A un anno di distanza, tutti i nomi degli indagati sono saltati fuori. Alessandro Alfano, laureato in Economia nel 2009, attualmente ricopre la carica di segretario generale della Camera di Commercio di Trapani e di Unioncamere Sicilia: a lui la procura di Palermo ha consegnato un avviso di proroga delle indagini. I suoi legali smentiscono qualsiasi irregolarità: “Il nostro cliente ha sostenuto tutti gli esami e ha fiducia in un rapido accertamento della verità”. Anche il diretto interessato replica: “Sono certo che si tratta di un disguido amministrativo. Ricordo perfettamente i professori che mi hanno interrogato, le domande che mi hanno rivolto e persino com’ero vestito. Ho regolarmente sostenuto tutti gli esami il cui corso è stato rallentato in quanto sono stato studente-lavoratore da quando avevo 20 anni. Sono pronto a dare tutte le spiegazioni necessarie alla magistratura” e aggiunge: “Ho una sola riserva: se non fossi stato il fratello minore di Angelino Alfano, non ci sarebbe stato questo clamore esclusivamente mediatico e sicuramente non riconducibile agli ambienti giudiziari. Sono certo che il lavoro attento ed obiettivo del pm farà emergere la verità. Per questo – conclude – sono sereno”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

San Raffaele, Don Verzè: “Mi assumo tutte le responsabilità, mi sento come Cristo in croce”

next
Articolo Successivo

Camorra, il cemento dei Casalesi. ‘Materiale scadente per il centro Nato di Licola’

next