Il premier, Silvio Berlusconi

“Abbiamo numeri certi in parlamento, siamo ancora noi la maggioranza e siamo legittimati a governare”. Silvio Berlusconi ribadisce la sua fermezza a non voler compiere il passo indietro invocato anche da una parte sempre più ampia del suo stesso partito. Il premier ha inoltre ribadito che “votare contro le riforme è un atto di tradimento nei confronti del Paese”. “Non crediamo né a esecutivi tecnici né di larghe intese”. Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi in collegamento telefonico con la convetion di Azione Popolare organizzata da Silvano Moffa, e ha ribadito: “L’unica alternativa al governo è il voto”.

“Nonostante le defezioni che mi auguro possano rientrare, siamo ancora maggioranza. Abbiamo verificato in queste ore con numeri certi che la maggioranza c’è”, ha detto il Cavaliere in una telefonata al convegno di Azione Popolare organizzata da Silvano Moffa e, sottolineando di confidare che le recenti prese di posizione per abbandonare nella maggioranza possano rientrare nelle prossime ore, il premier ha fatto presente che votare contro i provvedimenti economici su cui l’Italia si è impegnata con l’Ue “non è votare contro la maggioranza ma contro l’Italia”. Lo stesso premier ha poi auspicato un cambio di atteggiamento dell’opposizione: “Mi auguro che riveda i suo atteggiamento come ha già fatto lo scorso 23 agosto”.

Il premier è tornato anche sulle certificazioni del Fondo Monetario Internazionale. “Noi abbiamo chiesto al Fmi di verificare l’andamento dell’approvazione di queste riforme per certificarle nei confronti di tutti: la richiesta è venuta da noi e possiamo ritirarla quando vogliamo“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pisanu: “Ora governo di unità nazionale”
Bersani: “Valutiamo mozione di sfiducia”

prev
Articolo Successivo

L’uomo di legno sta bruciando

next