Luglio del 2001. Genova. Sembra di essere tornati ad allora. Invece siamo a Roma ed è sabato 15 ottobre 2011. Dieci anni dopo. Oggi non c’è nessun palazzo da raggiungere, nessun G8. C’è invece, ed è ciò che riporta ad allora, il corteo nazionale degli Indignati italiani che, come nel resto del mondo, scende in piazza per dire basta: basta alla crisi economica, alla disoccupazione, al precariato. Parole d’ordine che scompaiono inghiottite dalle pietre, dalle fiamme e dai bastoni. Dalla violenza di quelli che per comodità o per necessità vengono chiamati black bloc FOTO DI ELENA ROSSELLI

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sentenza Mondadori, Ministero della Giustizia chiede copia delle motivazioni

next
Articolo Successivo

Inchiesta G8, Credito Fiorentino: 55 indagati
Tra cui Verdini e Dell’Utri

next