Dall’Irlanda alla Romania, dalla Germania alla Spagna, i giovani hanno lo stesso problema: non trovano lavoro e si sentono proporre tirocini. Sembra infatti che avere nel cv qualche stage sia ormai indispensabile, e la formazione da “continua” si stia pericolosamente trasformando in “perpetua”. Da un sondaggio presentato a Bruxelles emerge che i problemi degli interns, i tirocinanti, sono comuni alla maggior parte dei ventenni europei: e se l’Italia è messa peggio, specie perché i suoi stagisti sono molto più vecchi, anche gli altri non se la passano così bene.

La pietra della discordia è sempre il rimborso spese, che poche organizzazioni (sia nel privato sia nel pubblico) sono disponibili a erogare. La metà degli stagisti infatti non prende un euro, e l’altra metà fa i conti con compensi che in buona parte dei casi non sono affatto sufficienti per mantenersi. E allora che si fa? Alla vecchia maniera tipica italiana: il 48,5% dei tirocinanti (percentuale che sale a 65% se si considerano solo quelli pagati, ma troppo poco) va a bussare alla porta di mamma e papà. C’è però anche un 26,5% che meritoriamente si mantiene utilizzando risparmi personali, e uno su dieci che addirittura fa un altro lavoro, contemporaneamente allo stage, per portare a casa qualche soldo.

Un altro aspetto significativo è che ben uno stagista su cinque – un’enormità – alla domanda sulla motivazione che lo ha spinto ad effettuare un internship risponde esplicitamente “perché non trovavo lavoro”. Nella migliore delle ipotesi lo stage quindi è diventato un jolly che i giovani si giocano mentre cercano un contratto vero, per non restare con le mani in mano, seguendo il pericoloso concetto del “piuttosto che niente, meglio piuttosto”. Nella peggiore, è diventato un’alternativa al normale impiego subordinato, proposta dai datori di lavoro perché costa e impegna infinitamente meno di un contratto.

Da notare che la reale prospettiva di assunzione al termine dello stage è bassa: 16% secondo questo sondaggio [gli ultimi dati ufficiali italiani, relativi ai soli stage nelle imprese private, riportano una percentuale ancora inferiore: 12,2%], a cui si aggiunge un 18% che afferma che pur non avendo ottenuto un’assunzione ha poi potuto trovare lavoro grazie allo stage, mettendo a frutto le competenze acquisite o il network di conoscenze.

La ricerca, realizzata dallo European Youth Forum – un’organizzazione finanziata dall’Unione europea, composta da under 35 di tutte le nazionalità europee e guidata tra gli altri da un vicepresidente italiano, il 27enne Luca Scarpiello –, è stata presentata al Parlamento europeo sotto l’occhio vigile e soddisfatto della danese Emilie Turunen, la più giovane europarlamentare in carica, che già l’anno scorso era riuscita a far votare all’unanimità una risoluzione sulla necessità di proteggere di più i giovani che si affacciano al mondo del lavoro. Pur non avendo pretese di scientificità, perché effettuata su un campione casuale e non rappresentativo, la survey dello EYF delinea un quadro molto preoccupante. Per proteggere i giovani e dare seguito alla risoluzione del 2010, proprio all’interno del Parlamento Ue è stata costituita una task force: un gruppo di lavoro che lavora alla stesura di una Carta dei diritti dello stagista europea. Là dove i singoli Stati non riescono ad arrivare per tutelare i propri giovani, dunque, arriverà l’Europa.

Il Fatto Quotidiano, 5 ottobre 2011

www.repubblicadeglistagisti.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cervelli in fuga? Andatevene dal Sud

next
Articolo Successivo

Per l’Italia a bordo di una Cinquecento. Obiettivo: capire se restare o fuggire

next