Piccole tranche da duemila euro fino ad arrivare a centomila. In questo modo Piero Di Caterina, titolare della Caronte, l’azienda di Sesto San Giovanni che opera nel trasporto pubblico, avrebbe “pagato” l’appoggio di Antonino Princiotta,l’ex segretario generale della Provincia di Milano durante la giunta di Filippo Penati, per ottenere una delibera che risolvesse il suo contenzioso con l’Atm. Contenzioso relativo, a dire dell’imprenditore, ai mancati introiti dovuti alla vendita dei biglietti nel circuito Sitam, il Servizio Integrato Trasporti Alto Milanese, e a cui aderisce anche la sua azienda.

Per la vicenda, messa a verbale da Di Caterina la scorsa estate, oggi Princiotta, al quale è stata contestata la corruzione, è stato interrogato dal pm Walter Mapelli che con la collega Franca Macchia coordina l’inchiesta su un presunto giro di tangenti relative alle aree ex Falck e Marelli e alla gestione del Sitam, e che vede tra gli indagati anche Penati.

Secondo gli atti dell’inchiesta l’allora segretario generale avrebbe ricevuto dall’imprenditore sestese, duemila euro alla volta,fino a raggiungere nel 2008 la cifra complessiva di centomila euro. Denaro che sarebbe servito affinché Princiotta mettesse una buona parola per la stesura e l’approvazione di una delibera che obbligasse l’Atm a versare al Consorzio Trasporti Pubblici spa (che comprende Sesto e Cinisello) e ad altri comuni limitrofi tra cui Segrate, gli introiti dei biglietti, in modo da poter “rientrare dei crediti” vantati – una dozzina di milioni – per il servizio offerto dalla Caronte.

La delibera che stabiliva che l’Azienda dei Trasporti milanese doveva versare al Consorzio 40 milioni di euro arrivò nel gennaio del 2009. Ma poi, a causa del contenzioso aperto tra la Caronte e l’Atm e i ricorsi, tutto si bloccò. La vicenda venne anche denunciata da Di Caterina con alcuni esposti a Gdf e carabinieri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bruti Liberati, bilancio con frecciata
L’unica fuga di notizie ha favorito B.

next
Articolo Successivo

Pranzo Milanese – Capaldo, la procura di Roma chiede gli atti

next