Rischia il rinvio a giudizio per finanziamento illecito ai partiti l’ex consigliere di Tremonti, Marco Milanese. Conclusa dai pubblici ministeri Paolo Ielo e Giuseppe Cascini, con il deposito degli atti, l’inchiesta riguardante il risvolto romano della vicenda giudiziaria che a Napoli ha coinvolto il deputato del Pdl.

L’indagine ha riguardato la cessione di una costosa imbarcazione appartenente a Milanese, a un prezzo superiore al suo valore alla società Eurotec. Per questa vicenda l’8 luglio scorso furono arrestati gli imprenditori Tommaso Di Lernia, titolare della Print Systems e Dominus di Eurotec e Massimo De Cesare, amministratore delegato di quest’ultima. Contemporaneamente furono iscritti nel registro degli indagati Lorenzo Cola, già consulente del presidente di Finmeccanica Pier Francesco Guarguaglini, l’ex presidente di Tecnosky Fabrizio Testa e lo stesso Marco Milanese.

Nella cessione del natante, secondo la ricostruzione fatta dai magistrati, ci fu la mediazione di Franco Testa il quale chiedeva appoggio per diventare presidente della società Tecnosky, controllata da Enav. Per soddisfare la richiesta di Milanese, Testa, secondo la ricostruzione degli investigatori, si sarebbe rivolto a Cola il quale a sua volta chiese aiuto a Di Lernia. Quest’ultimo si mise in contatto con De Cesare e la vendita fu perfezionata. Eurotec pagò 1,9 mln di euro mentre il valore reale dell’imbarcazione era di 1,4 mln. Il maggior ricavo finì a Milanese. Ora con il deposito degli atti ai difensori degli indagati è dato tempo 20 giorni per sollecitare l’attività istruttoria dopo di che i pubblici ministeri potranno fare le loro richieste finali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La procura al San Raffaele: “Risanamento entro settembre o fallimento”

prev
Articolo Successivo

Spider Truman, la rete smaschera l’anomino:
è Francesco Caruso, anzi no

next