Ci sono dei giorni, e non sono mica pochi, che Bruxelles sembra un’appendice d’Italia : una piccola Napoli, e persino una piccolo Montenero di Bisaccia, a seconda di quali sono i politici italiani che s’aggirano per i corridoi delle Istituzioni europee. Non che abbiano qualcosa di europeo da fare, o da dire: vengono a portare qui i loro problemi italiani e a lanciare proclami che, pensano, acquistano valore da una tribuna dell’Ue.

Mercoledì, che a Roma era festa e, quindi, c’era meno da fare del solito, c’erano a Bruxelles Antonio Di Pietro, leader dell’Idv, e Stefano Caldoro, governatore della Campania. E c’era pure Nichi Vendola, governatore della Puglia, per inaugurare una mostra sugli uliveti secolari della sua terra (e per partecipare, oggi, al Comitato delle Regioni).

Di Pietro era venuto a presentare la summer school dei giovani dell’Idv – caspita!, l’occasione valeva la trasferta -, ma ha ovviamente parlato (quasi) solo della manovra («doppiamente criminale», perchè «truffa sui conti e frega il voto degli elettori», rinviando il peggio al dopo 2013, quando – magari – toccherà ad altri farlo) e delle primarie della sinistra, cui l’Idv iscrive fin d’ora i propri candidati.

Caldoro, invece, era venuto a caldeggiare l’insediamento a Napoli, in concorrenza con Valencia, di un ufficio dell’Ue, ma, naturalmente, ha parlato di rifiuti. E siccome il commissario europeo Janez Potocnik, che lui per altro non ha incontrato, minaccia fuoco e fiamme su Napoli, la Campania e l’Italia, Caldoro, che sarà un berlusconiano di ferro, ma si rivela pure un doroteo, s’allinea al commissario – le sue preoccupazioni sono le mie, dice: «Stiamo collaborando» – e scarica le colpe. Anzi, le distribuisce: un po’ a sinistra («La Campania è un modello per la raccolta differenziata in tutto il Mezzogiorno. Il problema è Napoli e di Napoli è responsabile il sindaco», che sarà pure stato appena eletto, ma è un avversario, Luigi de Magistris); e un po’ a destra («La posizione della Lega è irresponsabile»).

Vabbè, ma c’era bisogno di venire a Bruxelles per dire ‘ste cose? Il messaggio italiano è, magari, chiaro; quello europeo è molto labile, anzi, sfugge del tutto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Io Scilipoti, peòn infaticabile con un sogno
“Essere Berlusconi ma più in piccolo”

next
Articolo Successivo

Siamo schiavi dei NIMBY (Not In My Back Yard)?

next