Il tribunale fallimentare di Milano ha dichiarato il “fallimento personale” di Lele Mora nonché di una delle società di cui è stato definito “il dominus” e cioè l’immobiliare Diana.

Il giudice Filippo Lamanna ha quindi accolto la richiesta avanzata dal curatore fallimentare Salvatore Sanzo e dai pm Eugenio Fusco e Maurizio Carducci. Rigettata invece l’istanza di fallimento per la Lm Production, altra società ricondicibile a Mora.

La decisione del tribunale è stata presa sulla base di un quadro probatorio che ha evidenziato la situazione debitoria di ‘Immobiliare Dianà verso ‘LM Management’ (altra società di Mora) dichiarata fallita lo scorso giugno. Il debito accumulato è astronomico: 20 milioni di euro.

Insomma, per l’agente dei vip va sempre peggio. Non bastava il fallimento della sua Lm Managment e neppure le inchieste per evasione fiscale e bancarotta fraudolenta. E soprattutto non bastava l’inchiesta per favoreggiamento della prostituzione e concorso in prostituzione minorile nell’ambito del Caso Ruby.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Processo Mediaset, Berlusconi in aula
“Pagai Ruby perché non si prostituisse”

prev
Articolo Successivo

L’intercettato consapevole

next