Gianfranco Mascia durante il blitz costituzionale alla Fontana di TreviQuesta mattina alle 6.30 abbiamo effettuato un “blitz costituzionale” alla Fontana di Trevi, appendendo cartelli alle statue del monumento romano. I cartelli contenevano gli slogan “Tu insulti l’istituzione, noi scegliamo la Costituzione”, “Questa degradazione si combatte con la Costituzione” e ancora “Giù le mani dalla Costituzione”.

Questo flash mob è per attirare l’attenzione della stampa internazionale sulla riforma costituzionale della giustizia che il Governo di Berlusconi metterà in cantiere con il Consiglio dei Ministri di oggi. Non si cambia la Costituzione senza la condivisione e l’intesa di un ampio schieramento, come insegnano i nostri Padri Costituenti.

Per questo noi saremo davanti a Palazzo Chigi questo pomeriggio (martedì 22 febbraio) alle 17 per la continuazione della mobilitazione a difesa delle istituzioni che proseguirà sabato 26 febbraio con Nessun Dorma in piazza Navona a Roma con pentole e coperchi e il 12 marzo con il C-Day, a Roma e in tante altre città italiane.

Per ingrandire l’immagine clicca qui

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corte dei Conti: Italia assuefatta alla corruzione, intercettazioni fondamentali

prev
Articolo Successivo

Opposizioni contro la marcia sulla Costituzione

next