La satira deve far ridere e pensare, giusto? Ecco, rivedendo in sequenza i due interventi a Sanremo di Luca e Paolo, prima su Berlusconi e Fini, poi su Saviano e Santoro, io personalmente avrò incrinato l’angolo della bocca un paio di volte. E’ colpa mia? Voi avete riso? E quanto al pensare, non c’è stata una frase che abbia aperto uno squarcio di verità, di novità, sui fatti e i personaggi agli onori delle cronache negli ultimi mesi.

Il compromesso tra quello che gli avrà detto di fare Rai Uno, la voglia di piacere a tutti, il loro ruolo di conduttori delle Iene, e la par condicio, ha raggiunto vertici assoluti di scarsa qualità. Forse è la realtà che ha superato la fantasia? Ma che! La comicità si è solo trasferita altrove, basta rivedersi le “Arcore’s Nights” della Sora Cesira.

Erano arrivati per rottamare Pippo Baudo, il Bagaglino e la vecchia televisione, ora ci sono dentro fino al collo e satireggiano con la forza di un peluche. Però magari mi sbaglio io, e voi avete riso come matti, son curioso, veramente, di saperlo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il conflitto d’interessi
che non c’è

next
Articolo Successivo

Siete davvero diventati così?

next