Rallenta la crescita economica dei Paesi Ocse nel quarto trimestre del 2010: e il nostro Paese va peggio degli altri. Nel G7, la crescita più alta è quella registrata in Germania (+4,0%) e la più bassa in Italia (+1,3%). Per l’intero 2010 la crescita del Pil nell’area Ocse è stata pari al 2,9% (+3,5% nel 2009).

Complessivamente, il Pil dell’area ha messo a segno un rialzo dello 0,4% contro il +0,6% del trimestre precedente. Lo rende noto la stessa organizzazione parigina, specificando – appunto – che in Italia la crescita rallenta allo 0,1% rispetto allo 0,3% del terzo trimestre 2010, in Germania allo 0,4% dopo il +0,7% del trimestre precedente e in Francia resta stabile allo 0,3%. Subisce una contrazione la crescita economica in Giappone (-0,3%) e in Gran Bretagna (-0,5%). Accelera quella degli Stati Uniti: +0,8% rispetto a +0,6% del terzo trimestre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, finanza locale. Adesso la Sec
lancia l’allarme

next
Articolo Successivo

Robin Hood Tax: togliere agli speculatori
per ridare ai cittadini

next