Berlusconi e Anselma Dell'OlioAndrebbe spiegato alle pseudo femministe Berlusconiane che il problema non è una donna che si prostituisce (una libera scelta) ma è il doversi prostituire se si vuole fare carriera nel settore pubblico, in politica in questo caso. La manifestazione del 13 febbraio non è contro la prostituzione in quanto tale, ma contro l’attuale potere (di cui Berlusconi è esponente di spicco ) che prevede che una donna (probabilmente pure un uomo, anche se è meno frequente) si debba prostituire per fare carriera. La maggioranza delle persone non è disposta a farlo perchè viola la propria dignità, ma se ci sono persone disposte a farlo non vuol dire che sia giusto.

E’ come per i lavoratori, se ci sono paesi dove la gente disperata lavora per poco non vuol dire che quello sia il modello da esportare nel mondo, va difeso il diritto ad una retribuzione equa, come va difeso il diritto a non essere costretti a prostituirsi per fare carriera. La vogliamo chiamare concorrenza sleale? Chiamiamola semplicemente degrado sociale. Si dirà: “Ma nessuno le ha costrette a prostituirsi”. Certo, ma se tu imposti il sistema con il ricatto “o fai così o prendiamo un’altra disposta a farlo”, stai costringendo chi non vuole farlo a farlo o ad abbandonare i propri sogni. E’ questo il vero schifo. La manifestazione del 13 febbraio serve a questo, difendere il diritto alla dignità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Quando Sara diceva:”Se non ti spogli dove vai?”

next
Articolo Successivo

In piazza per le donne,
ma anche per gli uomini

next