La procura dei minori ha iscritto nel registro degli indagati Ruby, la giovane marocchina al centro dell’inchiesta sulle feste ad Arcore, per aver fornito false generalità. Lo ha riferito il procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati, precisando che l’episodio si riferisce al primo maggio 2010 quando la ragazza fu portata in questura dove fornì informazioni false, con riferimento alla sua data di nascita, spacciandosi per un anno più grande di quello che era.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ruby, la procura: “Rito immediato per entrambi i reati contestati a Berlusconi”

next
Articolo Successivo

Oltre il processo breve

next