L’Iran ha sospeso la sentenza di impiccagione per concorso in omicidio del marito a carico di Sakineh Mohammadi. Lo ha reso noto il capo della commissione parlamentare iraniana per i diritti umani, Zohre Elahian, in una lettera al presidente brasiliano Dilma Rousseff.

La condanna alla lapidazione per adulterio a carico di Sakineh era stata sospesa l’anno scorso dopo le proteste di numerosi governi, ma sulla donna pendeva ancora la condanna all’impiccagione per concorso nell’omicidio del marito. L’anno scorso l’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva, che aveva ottimi rapporti con l’Iran, aveva offerto asilo alla donna. L’offerta era stata rifiutata dalla autorità iraniane. “Sebbene la sentenza alla lapidazione non sia ancora stata completata – ha scritto Elahian alla Rousseff, successore di Lula – la sentenza all’impiccagione è stata sospesa a causa del perdono”. Perdono concesso alla madre dai due figli (che sono anche figli del marito ucciso).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Account Google e Facebook, privacy violata
se vi sono sospetti di attività criminale

prev
Articolo Successivo

A Wikileaks la lista di 2mila conti offshore Assange: “Pubblicheremo i nomi degli evasori”

next