Ha iniziato Garrone, che quegli insulti proprio non li ha mandati giù. E allora via Cassano, anche se era il pezzo migliore della bacheca della Samp, perché il rispetto viene prima dei punti (e dei ricavi).

Ora è il turno della Fiorentina, che ha messo fuori rosa Mutu ed è pronta a venderlo subito. “D’ora in poi lo incontreremo solo nelle aule dei collegi federali” sintetizza l’ad viola, Sandro Mencucci.

I club hanno riscoperto il pugno duro, anche contro i talenti. Perché in tempi di crisi i capricci costano troppo, in campo e fuori.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Wikileaks: “Mafia padrona del calcio bulgaro”
L’Osce: “Così i boss riciclano il denaro”

next
Articolo Successivo

Cartellino rosso, ritorno di Fantantonio
Più di tutti ad accorgersene è Strasser

next